Repubblica Democratica del Congo

La Repubblica Democratica del Congo è da anni attraversata da conflitti e instabilità politica, e le autorità faticano a rispondere alle esigenze primarie della popolazione. Negli ultimi anni il Paese è stato più volte teatro di complesse ed estese violenze, che hanno coinvolto soprattutto la popolazione civile. Bambine e bambini subiscono le conseguenze maggiori di questa situazione.

Le ragioni dell’intervento

Siamo nella Repubblica Democratica del Congo dal 2016. La profonda crisi che sta caratterizzando il paese ci ha spinti ad intervenire per dare un aiuto concreto a migliaia di bambine e bambini costretti ai margini. Negli ultimi anni il Paese ha vissuto una lieve crescita economica, ma la maggioranza dei bambini lotta ancora per veder rispettati i propri diritti, in particolare per la scarsità di servizi essenziali come quelli sanitari ed educativi.

Il nostro intervento si concentra a Bukavu – un’area urbana nella regione dei Grandi Laghi – dove collaboriamo con il Foyer Ek’abana. Un centro, fondato nel 2001, che ha come obiettivo il recupero, l’istruzione e l’integrazione sociale e professionale di bambine e adolescenti che per svariati motivi – tra i quali non ultimo l’accusa di stregoneria – si trovano ai margini della società.

Ancora oggi, nelle Repubblica Democratica del Congo è possibile essere emarginati con l’accusa di stregoneria.

Un’accusa pesante, soprattutto per chi vive nei villaggi e nelle zone rurali del paese.

Grazie al lavoro di sensibilizzazione fatto dal centro Ek’abana, questo problema ha oggi un impatto minore nella città di Bukavu, ma resta ancora molto da fare per estirpare convinzioni e credenze socio-culturali, rafforzate dalle nuove povertà e dalla globalizzazione che allontana le persone dalla tradizione.

Attraverso il sostegno a distanza nella Repubblica Democratica del Congo vogliamo garantire a circa 1.300 bambini e bambine Mai-Mihogo l’accesso all’educazione primaria.

In lingua locale Mai-Mihogo significa manioca-acqua. Sono chiamati così i bambini e le bambine che vivono in strada. Passano la giornata per strada cercando di barattare l’acqua con la farina di manioca.

Condividi:

Last edit:

Progetti attivi

Referente dell'area

Stefano Sangalli
Responsabile attività progettuali comunitarie
Rosa Vettese
Responsabile Paese

Dati sulla Repubblica Democratica del Congo

77,3 milioni

di abitanti

18%

popolazione sotto i 5 anni

16,9 anni

età media della popolazione

680 $

reddito medio pro capite annuo

77,1%

popolazione sotto la soglia di povertà

43,1 / 1000

mortalità infantile sotto i 5 anni

42,6%

malnutrizione infantile (<5 anni)

22,7%

indice di analfabetismo (> 15 anni)

24,6%

popolazione con titolo di istruzione secondaria (>25 anni )

44,6%

tasso abbandono scolastico

38%

tasso di lavoro minorile (5-14 anni)

3,9

indice di felicità (su scala 1-10)

Source: Human Development Index 2016, United Nations Development Programme (UNDP)

I bambini possono cambiare il mondo

Ma solo se i loro diritti sono garantiti e riconosciuti dagli adulti
Aiutaci a farlo!

Donazione singola

Il mare è fatto di tante piccole gocce, ognuna è indispensabile. Insieme facciamo la differenza.

Donazione continuativa Repubblica Democratica del Congo

Unisciti a noi per sostenere le bambine e i bambini di Bukavu, aiutaci a garantire loro un’infanzia serena senza più guerra, fame e violenza.
A partire da:

€/mese

Adozione a distanza

Con 85 centesimi al giorno – 25 euro al mese –  puoi difendere i diritti di una bambina o un bambino. Attivati oggi stesso, adotta a distanza.

€/mese