È trascorso un anno e mezzo dal lancio della nostra campagna Help! Il diritto di essere bambini per liberare un milione di bambini dallo sfruttamento, dalla malnutrizione e dall’analfabetismo entro il 2020. Con il 2015 che volge al termine, ci sembra importante cogliere l’occasione per condividere con i nostri amici, lettori e donatori un primo bilancio del nostro percorso.

Dal 1988 ad oggi, grazie alle migliaia di persone che hanno scelto di sostenerci, siamo riusciti ad aiutare oltre 600.000 bambine e bambini. Attraverso la campagna HELP! abbiamo voluto rinnovare il nostro impegno al fianco dei piccoli più vulnerabili di Mozambico, Zambia, Nepal e Cambogia, dove siamo presenti con i nostri progetti, ponendoci l’obiettivo di raddoppiare il numero dei destinatari delle nostre attività.

Il frutto più importante della riflessione che abbiamo avviato in questi ultimi due anni è consistito nel passare da un approccio basato sui bisogni ad un approccio basato sui diritti. Oggi più che mai, al cuore di tutti i nostri progetti ci sono i diritti dei bambini.

Abbiamo scelto di assumere progressivamente un ruolo diverso nell’ambito dei nostri progetti: non più e non tanto quello di fornitori di beni, servizi, soddisfazione di bisogni, ma quello di “catalizzatori”, impegnati a stimolare processi che facilitino il rispetto dei diritti dei bambini da parte dei portatori di dovere locali.

La nostra azione si concentra su tre obiettivi fondamentali: Diritto all’Educazione, Diritto alla Salute e al Benessere, Equità fra bambini e bambine. Perché li abbiamo scelti e quante risorse abbiamo investito per ciascuno di essi nelle diverse aree geografiche in cui siamo impegnati? Quali sono state le nostre principali attività? E quanti bambini sono stati coinvolti dai nostri progetti? Le risposte a queste e molte altre domande sono disponibili sul nostro Bilancio di Missione… buona lettura e grazie per essere con noi dalla parte dei diritti dei bambini! 

Condividi:

Last edit:

  • English
Hi, you are surfing on our italian website, click here to access the english version